La porta stretta

La porta stretta

Anno: 2001
Descrizione: tecnica mista su tavola (porta)
Dimensioni: 190 x 70

L'opera è dipinta su una vera porta a Ca di Pom. In tono con le molte simbologie attribuibili alla porta quale valico tra realtà diverse, reali e virtuali, per Viviani il passaggio attraverso gli stipiti stretti avviene quale scelta di percorso verso la maturazione interiore. La spirale di mele sale rastremandosi con andamento elicoidale sull'asse di una verticale, partendo da una sezione a forma di mela, anima o tavolozza del pittore. Sulla vetta, un personaggio spalancato e distaccato dalla sequenza mostra i semi della sua conoscenza, offrendo la sublimazione del proprio ideale in solitaria sospensione aerea. Lo spazio è suddiviso dalla linea d'orizzonte che unisce la realtà terrestre alla spiritualità della luce. Accogliendo l'emblematica simbologia applicata da Viviani, l'immagine è da intendersi come metafora del progressivo affinamento dell'Io che dalla pienezza giovanile si perfeziona lungo il percorso dell'esistenza fino a proporsi in corpo accogliente, custode della memoria da trasferire ai posteri. Pure il dato cromatico concorre a definire il simbolismo di progressiva maturazione individuale. L'immagine vuol essere una parabola filosofica esistenziale. L'estensione verticale, obbligata dal lungo rettangolo costituito dalla porta, favorisce lo sviluppo della serpentina che segue curve e controcurve appoggiate a semicerchi sovrapposti alternativamente a destra e a sinistra e con diametro progressivamente ridotto. L'armonia ondulata dell'equilibrio pencolante della piramide è ottenuto escludendo completamente dalla figurazione la linea retta.
Condividi facebook share twitter share pinterest share
Siglacom - Internet Partner
fondazionebam.it